La Nostra Storia

La Nostra Storia

La storia di Grande Impero inizia quasi un secolo fa. Era il 1934 quando Giovanni Fancello, commerciante di grano, si trasferisce a Roma dalla Sardegna, più precisamente da Dorgali (NU) e giunto nella capitale, diversifica la sua attività e così dal grano alla farina, e poi al pane, il passo fu breve: è suo figlio, Taddeo, a condensare per primo la passione per il grano e le farine nell’attività della panificazione, passione che ha tramandato a sua volta a suo figlio Stefano.
Quella della famiglia Fancello è una storia che ruota nel mondo della panificazione, ed infatti Stefano, oggi responsabile della qualità del prodotto, nasce e cresce tra gli impasti, la Pasta Madre, le “mattere” in cui riposa il pane, prima di diventare quel cibo fragrante e profumato che ogni giorno arricchisce la tavola degli italiani.
Sul finire degli anni ottanta Stefano coinvolge Antonella Rizzato, persona fondamentale per la sua vita, nella gestione dell’attività imprenditoriale dei propri genitori, apportando un primo cambio di visione.
L’affermarsi di Grande Impero, però si deve a Wanda Camiglieri, mamma di Antonella, che, forte dell’esperienza maturata e del suo spirito creativo, nel 2007 registra il marchio Grande Impero e definisce la nuova visione imprenditoriale che troviamo, tutt’oggi, a fondamento dell’impresa.

Antonella Rizzato, nel frattempo, parallelamente al lavoro nell’impresa di famiglia, matura un’esperienza importante in ambito di organizzazione aziendale, portando avanti interessanti studi nel settore della comunicazione e della formazione e, nel 2013, prende le redini del progetto e, in poco tempo, lo guida verso quella grande e affermata realtà che è oggi.

Porta in azienda idee innovative, come quella di apporre sul pane Grande Impero un bollino di carta che lo distingue da tutti gli altri prodotti, introduce nuove referenze sino ad arrivare – nel 2019 – con ben sette referenze a portafoglio.
Nel frattempo, amplia la distribuzione alle regioni Toscana, Marche, Umbria, inaugurando nuovi siti produttivi. Implementa azioni di grande respiro e non può mancare un restyling del logo ed tour esperenziale (2016). Affianca grandi eventi italiani, si dota di consulenze specifiche in ambito di comunicazione, oltre ad introdurre professionisti nei ruoli chiave aziendali.
I risultati non tardano ad arrivare: dal 2016 al 2019 l’azienda registra ogni anno un incremento medio di volumi pari al 30%.
Alla nuova visione data da Antonella Rizzato, si lega armonicamente l’artigianalità manuale di Stefano Fancello, ed è con questo perfetto equilibrio che oggi si realizza una sintesi perfetta tra antichi sapori, ricerca costante e innovazione che, insieme a sacrificio, rispetto ed etica che tutti i collaboratori mettono in ogni fase della produzione, fanno di Grande Impero un “pane vero”, artigianale, inimitabile, il primo pane a lievitazione naturale con il bollino, di pasta madre, come hanno voluto certificare nel febbraio 2019 le Università di Bolzano e di Bari.